Ostia, ucciso durante una rapina: le indagini della polizia portano a fermo di una coppia

Il giovane bangladese era stato attratto, con la prospettiva di un incontro amoroso, in quella che si sarebbe rivelata una trappola mortale

Dopo mesi di indagini da parte della Polizia, è arrivato il fermo per due romani ventenni, gravemente indiziati di concorso in omicidio e rapina.

La vicenda trae origine dal ritrovamento, avvenuto in via Enea Picchio, zona Nuova Ostia, lo scorso 8 ottobre, del giovane Milon Sayal,  33enne originario del Bangladesh, soccorso per strada da passanti e accompagnato, in ambulanza, prima all’ospedale Grassi di Ostia e, successivamente, vista la gravità delle sue condizioni, al San Camillo, dove moriva dopo un giorno di agonia, a causa di un esteso ematoma cranico.

La sostanziale assenza di testimoni e la mancanza, sul corpo del deceduto, di evidenti segni di violenza – al punto da potere apparire, ad un primo approccio, decesso per cause naturali – hanno reso estremamente difficili le indagini, inizialmente, ispirate dal dato anomalo relativo alla presenza, di domenica mattina, ad Ostia Nuova di un giovane bangladese, dalla vita assolutamente regolare, residente nel Quartiere San Giovanni e con un impiego fisso presso un centro ludico-sportivo del Tiburtino.

D’altra parte, le grida che i soccorritori avevano udito provenire dal luogo del ritrovamento e il fatto che il giovane Sayal non avesse più con sé il proprio Iphone, appena acquistato, né la cospicua somma di circa mille euro (raccolta tra i suoi coinquilini per corrispondere l’affitto di casa), facevano propendere gli investigatori del Commissariato verso l’ipotesi della rapina con esiti mortali.

Il lavoro degli agenti ha consentito attraverso testimonianze, telecamere pubbliche e tracciati telefonici di ricostruire minuziosamente le ultime ore di vita di Sayal Milon, il quale, quella domenica di ottobre, utilizzando i mezzi pubblici, aveva raggiunto Ostia, per incontrarvi, dopo averla ripetutamente contattata telefonicamente, una giovane donna, probabilmente individuata attraverso un sito internet di incontri amorosi.

L’ulteriore approfondimento investigativo, svolto monitorando gli ambienti vicini alla donna, abitante a poche centinaia di metri da quella via Enea Picchio, in cui era stato rinvenuto e soccorso Sayal Milon privo di sensi (peraltro contestuale alla pubblica mobilitazione della locale comunità del Bangladesh, desiderosa di conoscere la verità sulla morte del concittadino) dava fondamento all’ipotesi investigativa che vedeva il giovane bangladese attratto, con la prospettiva di un incontro amoroso, in quella che si sarebbe rivelata una trappola mortale.

La manifestazione di amici e familiari per conoscere la verità

Infatti, la mattina dell’8 ottobre, ad aspettarlo ad Ostia Nuova non ci sarebbe stata solo la donna contattata telefonicamente, ma anche suo marito, pronto ad aggredirlo brutalmente a pugni e a rapinarlo dei suoi averi; aggressione che determinava la morte del Sayal a seguito di un colpo inferto alla testa.

Venerdì 11 maggio, sono così scattate le perquisizioni a carico degli indagati e di tutti coloro, in qualche modo, sono rimasti coinvolti nella vicenda.

L’Iphone appartenuto a Sayal Milon è stato trovato in possesso di un giovane della zona che lo aveva ricevuto da una persona a cui la donna indagata lo aveva venduto.

Considerati gli elementi emersi nel corso della lunga e complessa indagine, il Pubblico Ministero titolare della stessa, coordinato dal Procuratore Aggiunto presso la Procura della Repubblica di Roma, ha ritenuto di sottoporre la citata indagata e il marito, a fermo di persona gravemente indiziata di reato. Fermo convalidato poco dopo.

 

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome