Cambio al vertice del commissariato Lido: Fabio Abis al Viminale. A Ostia arriva Eugenio Ferraro

Cambio al vertice al commissariato di Ostia. Fabio Abis, dopo quasi due anni di comando lascia il Lido per raggiungere e guidare il commissariato Viminale.

Al suo posto, arriva Eugenio Ferraro che vanta sul suo curriculum tra il 2002 e il 2008 risultati importanti nella sezione omicidi e quella narcotici della squadra mobile di Roma e numerose missioni all’estero.

Il saluto del commissario Abis

Fabio Abis questa mattina ha voluto salutare la città passando in Municipio dove era in corso un Consiglio. “Credevo di trovare l’inferno, Ostia è molto meglio di come viene descritta- ha detto il commissario-. Il collega Ferraro saprà guidare l’uffico nel migliore dei modi, nel rispetto della vostra sovranità e con umiltà”.

Nell’aula Di Somma ha poi stretto le mani ai consiglieri per un saluto, uno a uno.

L’avvicendamento sarà ufficiale dal 6 agosto.

I COMMENTI

Il presidente del X Municipio Giuliana Di Pillo: “Un saluto intenso”

“Dopo due anni di intenso lavoro il dirigente della Polizia di Stato Fabio Abis lascia il Municipio X per un nuovo incarico. Il suo saluto davanti al Consiglio è stato intenso. Abis ha sottolineato come i residenti di questo territorio siano brave persone ed ha augurato il meglio per tutti noi. Grazie di cuore ad Abis per tutto il suo lavoro”.

Il consigliere di Forza Italia Mariacristina Masi: ” Le sue parole ci hanno riempito di orgoglio”

“Ostia viene rappresentata come una sorta di girone infernale in cui i criminali vanno in giro e comandano, soltanto loro, ma non è così, ci sono territori a Roma che sono anche peggio”. Grazie al Commissario Fabio Abis per queste parole che ci riempiono di orgoglio e per aver svolto con professionalità e serietà il lavoro in questo Municipio, contribuendo a ricostruire il rapporto di fiducia tra cittadini e istituzioni. L’augurio da parte del Gruppo di Forza Italia di buon lavoro per la sua nuova esperienza al centro di Roma”.

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome