Ostia capitale del sitting volley con la nazionale femminile in ritiro per gli Europei (VIDEO)

Le azzurre di sitting volley scelgono Ostia ed il Palacivetta per preparare i prossimi Europei di Croazia

Ostia capitale del sitting volley, una specialità parolimpica che trova sul litorale romano tradizione ed accoglienza. Ed è al Palacivetta di via Passeroni che la nazionale italiana femminile si è riunita per una collegiale di preparazione in vista dei prossimi Campionati Europei che si svolgeranno a Parenzo in Croazia dal 4 al 12 novembre.

Si conclude nel pomeriggio di oggi, domenica 1 ottobre, il raduno collegiale della Nazionale Italiana Femminile di sitting volley iniziata giovedì pomeriggio a Ostia. La selezione del commissario tecnico, il brasiliano Amauri Ribeiro, ha scelto la città costiera perché vanta una tradizione nello sport per i disabili ed è particolarmente attrezzata per questa disciplina. In particolare, grazie anche all’opera del professor Paolo Zeppilli, docente di Medicina dello Sport all’Università del Sacro Cuore e responsabile dell’Unità Operativa Complessa Medicina dello Sport e Rieducazione Funzionale presso il Policlinico Gemelli di Roma, sono due i campi di sitting volley a Ostia: uno si trova nella palestra del liceo classico “Anco Marzio” di via Capo Palinuro e l’altro presso il Palacivetta di via Passeroni.

Ad occuparsi dell’ospitalità presso il “Palacivetta” e del supporto delle azzurre, che sono accolte nella foresteria del Polo Natatorio, è stata l’associazione sportiva “Santa Monica” del vicepresidente Paolo Paone. “E’ la seconda volta che ospitiamo con onore e con piacere una nazionale – sottolinea Andrea Zeppilli, direttore tecnico della Santa Monica – E’ già capitato due anni fa con la nazionale slovena. Siamo disponibili ad aiutare la federazione quando ha bisogno di noi”.

La selezione della Nazionale Italiana Femminile di sitting volley

Le azzurre di Amauri Ribeiro sono reduci da un buon risultato conseguito nel torneo amichevole di Budapest dal 15 al 18 settembre con tre vittorie ed una sola sconfitta. Tra le atlete presenti alla collegiale di Ostia figurano Giulia Aringhieri, Nadia Bala, Raffaella Battaglia, Giulia Bellandi, Silvia Biasi, Francesca Bosio, Sara Desini, Michela Magnani, Roberta Pedrelli e Alessandra Vitale.

Il sitting volley o pallavolo da seduti o anche pallavolo paralimpica è una specialità destinata ad atleti diversamente abili. Si gioca in campi appositamente disegnati ed ha regole aggiuntive rispetto al volley tradizionale. Innanzitutto, al momento di toccare la palla, l’atleta deve mantenere il contatto col pavimento con una qualsiasi parte del suo busto (normalmente almeno una natica) e nel sitting volley è ancora possibile murare la battuta avversaria. Il terreno di gioco è ridotto: da 18×9 mt si riduce a 10×6 mt. La linea d’attacco, da 3 mt passa 2 mt di distanza dalla linea mediana. Infine, ovviamente, l’altezza della rete è ridotta: nel maschile scende da 2,43 mt a 1,15 mt e nel femminile da 2,24 mt a 1,05 mt.

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome