Ostia, cassonetto a fuoco: l’attenzione dei piromani si sposta sui rifiuti (IL VIDEO)

Incendio in pieno giorno in un cassonetto di via dei Traghetti, a poca distanza di giorni e di metri dal rogo di un altro contenitore di via delle Baleniere

Chi si diverte a incendiare i cassonetti in pieno giorno? Se lo chiedono i vigili del fuoco costretti a correre a spegnere gli incendi che di tanto in tanto esplodono all’interno dei contenitori dei rifiuti di Ostia.

CACCIA AL PIROMANE

Oggi intorno alle 17,00 ad andare a fuoco è stato uno dei cassonetti di materiale non riciclabile che si trovano in via dei Traghetti ad Ostia, all’incrocio con via delle Baleniere. A denunciare l’accaduto, sono stati i residenti del palazzo antistante al cassonetto, che hanno immediatamente allertato i Vigili del Fuoco. “Non è la prima volta che succede – spiega Riccardo, un residente della palazzina – Noi siamo convinti che sia opera di qualche ragazzino che purtroppo non sa come usare il proprio tempo. La cosa preoccupante e per la quale ci siamo allarmati tutti, è stata la vicinanza del cassonetto al marciapiede e alle automobili. Le macchine avrebbero potuto prendere fuoco, poteva succedere un disastro anche perchè i serbatoi delle auto in sosta sarebbero potuti esplodere e a rimetterci potevano essere le persone che casualmente passavano di lì“. Dello stesso avviso è anche Stefania: “L’autocombustione sembra alquanto improbabile, non credo si tratti di un incendio casuale. Ho chiamato i pompieri e per fortuna sono arrivati subito, ci hanno messo circa 15 minuti. Purtroppo non è la prima volta che succede, specie in quest’ultimo periodo capita molto spesso“.

RAGAZZINI ANNOIATI

L’incendio divampato in un cassonetto di via delle Baleniere

Stessa cosa era accaduta sempre ad Ostia, in via delle Baleniere una decina di giorni fa. Un gruppo di ragazzi, presumibilmente adolescenti, avevano appiccato il fuoco in un cassonetto di materiale non riciclabile, proprio vicino alle auto in sosta e ai negozi. A spegnerlo, ci hanno pensato i residenti, tra i quali c’era Massimiliano Mambor, uno dei primi ad arrivare sul posto. “Ho radunato un po’ di persone e abbiamo iniziato a spegnere il tutto in attesa dei Vigili del Fuoco – racconta Massimiliano – I pompieri sono arrivati poco dopo e sono riusciti a spegnere il tutto in pochi minuti, la mano è sempre la stessa: si tratta dei soliti ragazzini annoiati ai quali i genitori dovrebbero dare qualche schiaffone“.

I roghi di automobili e di cassonetti ormai sono praticamente all’ordine del giorno. Tutti i residenti di Ostia ricordano per esempio “il piromane delle automobili“, che ormai da mesi colpisce indisturbato le autovetture dei cittadini del X Municipio, da Ostia all’Axa all’Infernetto. Una vera e propria “moda incendiaria” che attira specialmente i più giovani. I rischi sono legati alla vicinanza dei roghi con negozi, abitazioni e autovetture, quest’ultime soprattutto se venissero a contatto con le fiamme rischierebbero di esplodere. Nel caso di via dei Traghetti, per fortuna, l’incendio non ha provocato esplosioni o gravi danni, tuttavia il rischio c’è, ed è tangibile. Questi ragazzi, non si rendono conto che con le loro “marachelle” possono mettere a serio rischio la vita delle persone e creare danni ben più seri di un fuocherello.

Commenta questo post

- Annuncio -

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome